Pontesu - Padente - Talachè

Pontesu Padente Irgoli

Pontesu Padente

Pontesu Padente Irgoli

Pontesu Padente

I boschi del "Padente"

A sud-ovest del monte Senes, si trova il monte Pontesu ( punta “su Grabellu” 826 s.l.m.), molto suggestivo per le sue cime granitiche, meno aspre rispetto al Senes, ma ricche di vegetazione e di sorgenti d’acqua, fra le quali in località “Abba Vritta”, “Janna ‘e uneddu”, “S’aranzu”, “S’untana ‘e pontesu”, “Sas piras”, “Galennora”, “Duìo” e “Thanarghè” (730 s.l.m.) le cui acque sono state portate a valle sino alla Chiesa campestre di San Michele, dove è stata realizzata la fonte.
I versanti ovest e nord sono ricoperti dalla secolare foresta di lecci “su padente”, (che si estende sino al monte Senes nelle località Muruddone ed il valico di Intro ‘e Montes), all’interno della quale si possono effettuare diverse escursioni per gli amanti delle camminate in mezzo alla natura o dell’equitazione.
 Partendo dalla strada Irgoli-Norghio in località “Janna” e percorrendo i vecchi sentieri dei carbonari toscani che sino ai primi del novecento hanno tagliato il legname per ricavarne il carbone per il continente, si possono raggiungere le località, “Preda Longa”, una roccia granitica che svetta dagli alberi e da cui si scorge uno scorcio panoramico suggestivo, “Sa Testicana” dove si può trovare una ricca sorgente e poche decine di metri più sotto lungo il torrente, uno dei rari alberi di agrifoglio (“su golosti”) presenti nel territorio di Irgoli.
 A “Talachè” dove sorge una vecchia caserma forestale e poco distante una sorgente d’acqua, “Sas orobonas” è possibile ammirare ancora intatto, un vecchio e caratteristico ovile “cuìle”.
 Sempre partendo da “Janna”, si può salire seguendo uno sterrato posto di fianco all’ingresso di Padente e dopo 3 tornanti si arriva a Golosti alla fine della salita, la pista prosegue lungo la cresta del monte Pontesu nelle località Murru ‘e theraccos sino ad abba vritta. Spostandosi di poche decine di metri verso nord-ovest, si possono ammirare le rocce e lo spartiacque che segnano l’inizio della foresta di lecci, con lo sfondo del monte Albo.
Il percorso è particolarmente interessante per il panorama che si può ammirare sino al mare, è facilmente percorribile, ideale per gli amanti della mountain bike del trekking e per una suggestiva passeggiata a cavallo.

Guarda l'Album fotografico:

COPYRIGHT © Geometra Ugo Cucca via G. S. Monne, 2  08020  IRGOLI  ( NUORO ) P.IVA 01048990913